Caricamento Eventi
Questo evento è passato.

Andreja Restek è una giornalista fotoreporter di origine croata che vive a Torino.
È fondatrice e direttrice di APR news, ed esercita la sua attività collaborando con diversi giornali, enti e aziende italiane ed estere, è fondatrice e presidente de “L’ambulanza dal cuore forte – ADCF”, Onlus costituita nel 2013 per portare aiuti umanitari e soccorso in zone colpite da calamità e in Paesi colpiti da guerre.
Ha ha ricevuto molti premi nazionali ed internazionali, le sue fotografie sono state pubblicate in diversi libri, come “Passion Lives Here” e “Parole di Donne”, ha partecipato come relatrice e ospite ad importanti eventi organizzati da Unicef, Università degli Studi di Torino, Salone Internazionale del Libro di Torino, Associazione vittime del terrorismo, Radicalisation Awareness Network (RAN) a Berlino, Rai, Festival dell’Europa Solidale e del Mediterraneo, diversi circoli fotografici, per citarne solo alcuni.
Ha ideato e organizzato, a cavallo tra il 2016 e 2017, la mostra a Palazzo Madama di Torino “In Prima Linea, donne fotoreporter in luoghi di guerra”, che ha avuto oltre 31000 visitatori ed è stata recensita da 150 testate di tutto il mondo.

La mostra “Diario dal mondo” raccoglie alcune delle immagini degli ultimi anni, nei quali Andreja Restek si è dedicata a testimoniare gli eventi e i cambiamenti nei Paesi del terzo mondo, soprattutto in zone di conflitto come Siria, Ucraina, Crimea, Libano, Russia, Balcani, Africa, seguendo le guerre, le rotte dei rifugiati, i Paesi colpiti delle carestie e le conseguenze che hanno sulla popolazione.

Nei suoi lavori traspare l’esperienza personale, il suo coinvolgimento, il suo impegno e la sua grande umanità:

“…Documentare le guerre e il fenomeno migratorio per me è molto importante, perché in qualche modo mi sembra anche di raccontare parte della mia storia… 
…Quando si incomincia questo lavoro bisogna sapere che questi viaggi sono viaggi senza ritorno, sono partenze che hanno il biglietto di sola andata.
Rimarranno molte cicatrici invisibili che si porteranno dentro per il resto della vita, a volta sbiadiscono ma non se ne andranno mai più. I volti dei bambini, delle donne e degli uomini che si incontrano lungo la strada diventano parte di te e alcuni non ti abbandonano mai e sovente ritornano quando meno lo aspetti.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: