venerdì 3 maggio

Biblioteca Angelo Caselle – via Folis 9

  • ore 18.30: Inagurazione della mostra fotografica FLAG FACES

    Mery Rigo propone le immagini fotografiche realizzate durante il workshop di aprile, scatti di volti “truccati”con i colori delle bandiere del mondo: un messaggio di identità nazionale ed insieme fratellanza universale.

    Segue aperitivo con l’artista.

giovedi 9 maggio

Auditorium Polifunzionale – via Folis 9

  • SALONE OFF

    ore 18.00: Non è un gioco

    Mauro Donato, Max Ferrero, Paolo Siccardi e Stefano Stranges, ovvero i reporter del CollettivoX, raccontano in slide-show l’infanzia in gioco nei diversi teatri del mondo, dai campi profughi del sud-est asiatico, all’Africa, dal Medio Oriente ai paesi dell’est, per arrivare in Europa dove tutto diventa realtà.

Casa Di Tutti i Colori – via Molina 16

  • ore 19.30: Inaugurazione della mostra fotografica “Non è un gioco“:

    una finestra su quel mondo in cui l’infanzia viene affrontata sfidando la sorte, dove lo spazio è la condizione vitale, una traccia indelebile nel proprio cammino della vita.
    Sono i giochi dei bambini europei la chiave di lettura che lega tra loro le immagini di mondi diversi tra loro, con un filo sottile come quello dell’aquilone di Amir a Kabul.
    A cura di Mauro Donato, Max Ferrero, Paolo Siccardi e Stefano Stranges.

venerdi 10 maggio

Auditorium Polifunzionale – via Folis 9

sabato 11 maggio

Piazza del Municipio

Negozi di Via Roma e Via Molina

  • Un mondo che gioca

    mostra di giocattoli di ogni tempo, provenienti da paesi di tutto il mondo.
    In collaborazione con APO e Museo delle Contadinerie.

Scuola Folis – Planetario – Valle Ceppi

  • Tre luoghi per una settimana

    Il gioco detto “campana”, ma anche “riga”, “mondo”, “paradiso”, “settimana” o “sciancateddu”, o “tririticchete” in Sicilia, o anche “pàmpano” in Liguria, può avere uno o più partecipanti ed è uno dei giochi più antichi e diffusi nel mondo.
    TUTTO IL MONDO E’ PAESE lo propone come installazione fissa in tre luoghi di Pino, realizzati da altrettanti street-artist sotto gli occhi dei partecipanti al festival.

Terrazza delle Scalette (Aldo Febbo) 

  • dalle ore 12.00: Stranezze italiane

    Tre video girati a Torino da migranti, su come gli stranieri vedono le particolari abitudini di noi italiani: per capire che a volte gli “strani” siamo noi…a cura di Sergio Fergnachino.

Terrazza sopra la Palestra

  • dalle ore 15.00 alle ore 18.00: Il gioco del drago e altri giochi

    L’associazione Dien Hong propone un torneo de “Il gioco del drago”, avvicinamento alla pratica del Viet-vo Dao, ma anche un gioco diffuso in ogni paese orientale e nel mondo (è lo “scalpo” degli Scout). Il torneo è rivolto a bambini e ragazzi.

Giardini di Villa Grazia

  • SALONE OFF

    ore 16.00: Cara mamma, ti prometto che tornerò presto

    con Liaqat Kasemi

    La vita di Liaqat, raccontata in un libro toccante, è stata pesantemente condizionata da due elementi, due peccati originali di cui ovviamente non ha colpa: il primo è quello di essere nato in Afghanistan, cioè una terra irrequieta e primitiva, divisa in etnie assai diverse tra loro e in perenne lotta, da secoli; la seconda di essere nato “hazara”, vale a dire una minoranza etnica con connotati somatici particolari e unici, ma soprattutto portatrice di un marchio infamante e spregevole, cioè l’essere di religione sciita in una società in stragrande maggioranza sunnita. Questo aspetto ha presto sconvolto l’infanzia di Liaqat determinandone un’incredibile sequenza di vicissitudini e di sofferenze iniziate all’età di dieci anni allorché, in seguito alle drammatiche vicende che hanno travolto la sua famiglia, è dovuto fuggire da casa. Da quel momento la sua vera e propria odissea è durata circa diciotto anni e solo ora pare essere in procinto di risolversi in una sorta di “sbarco ad Itaca” finalmente rassicurante e salvifico. Di Carlo Bosso e Liaqat Kasemi, ed. Genesi

  • SALONE OFF

    ore 17.30: ZLATAN – Un viaggio dove comincia il mito

    con Paolo Castaldi

    Paolo Castaldi, classe 1982, scrive e disegna fumetti. Zlatan (Feltrinelli Comics 2018) racconta la storia di un ragazzino di origini slave, introverso e irrequieto, che abitava a Rosengard, quartiere ghetto di Malmo, Svezia: turchi, arabi, polacchi, magrebini, a Rosengard c’è tutto il “vecchio continente”, tutto il Mediterraneo. Migliaia di persone che cercano un futuro. Castaldi propone un viaggio-reportage a fumetti che mostra il giovane Ibrahimovic in cerca della sua chance, del suo riscatto da una vita difficile passata tra i campetti del quartiere e la casa del padre, dove la guerra in Jugoslavia è ancora troppo presente: la storia della nascita di un grande campione, capace di diventare un mito.

Cortile della Scuola Primaria Folis

  • dalle ore 14.00 alle ore 17.30: Skating for SKATEISTAN

    SKATEISTAN è un’organizzazione internazionale no-profit che dal 2007 opera in Afghanistan, Cambogia e Sud Africa con programmi di aiuto all’infanzia che abbinano la pratica dello skateboard alla scolarizzazione di ragazzi e soprattutto ragazze in condizioni di forte disagio, dando così loro accesso a spazi sicuri e trasmettendo valori forti e pacifici. I programmi di Skateistan hanno avuto numerosi premi e riconoscimenti in tutto il mondo.
    A cura di Rider’s Academy e Skateboard Torino

  • dalle ore 19.00: Cena multietnica con accompagnamento musicale di Barriera Republic

    La serata si conclude con la cena multietnica proposta dal gruppo Di Tutti i Sapori in collaborazione con operatori “street food” e altre associazioni partecipanti. Accompagnano la cena i giovani musicisti di diversa provenienza del gruppo torinese Barriera Republic.

    Per la cena è gradita la prenotazione con semplice messaggio al 335 7423428 (indicare nome e numero partecipanti).

Biblioteca Civica Angelo Caselle – via Folis 9

  • Flagfaces

    La pittrice e fotografa Mery Rigo propone le immagini fotografiche realizzate durante il workshop di aprile, scatti di volti “truccati” con i colori delle bandiere del mondo: un messaggio di identità nazionale ed insieme fratellanza universale.
    Fino al 17 maggio

Casa di Tutti i Colori – via Molina 16

  • ore 15.00: Inaugurazione Biblioteca Multilingue per Bambini e Ragazzi

    Nei locali dell’associazione viene installata una biblioteca permanente dove bambini e ragazzi possono trovare libri pubblicati in ogni parte del mondo, in lingue diverse.

    Sono gradite donazioni.